La solfarola e la via Amerina

La solfarola e la via Amerina

Lungo l’antica via romana, in cerca del profondo respiro della terra
DOMENICA 17 maggio 2019

Prezzo a persona 10€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]


– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 300
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 9 km
– TEMPO PREVISTO: 5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, TORCIA ELETTRICA, PRANZO AL SACCO. CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il castello di Montenero frazione di Todi (a Todi prendere via delle Piagge, di fronte alla porta Amerina. Proseguire seguendo la SP379 superando prima l’abitato di Pontenaia e poi il borgo di Vasciano. Dopo 8 km si incontra sulla sinistra il bivio per Montenero che in breve conduce al castello).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Attraverseremo i campi coltivati e i boschi della valle del torrente Naia, nelle terre che furono degli Accursi e poi di Angelo Cortesi. Il testo di un erudito del 1600 ci guiderà su stradine poco conosciute alla ricerca dei luoghi dove la terra emana il suo profondo respiro dalle solfarole. Questi fenomeni di vulcanismo minore da un lato sono stati associati a sinistre leggende, ma dall’altro sono stati utilizzati dalla gente di campagna per curare le malattie della pelle degli animali. Svalicato nella valle del torrente Arnata seguiremo un tratto dell’antica via Amerina sino al suggestivo Ponte medievale di Pesciano, recentemente restaurato. Infine attraverso la pineta torneremo al castello di Montenero.

  • 14:00 – Ritorno a Montenero e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE SPELEOLOGICA “La Grotta delle Piane (Titignano)”

La Grotta delle Piane (Titignano)
ESCURSIONE SPELEOLOGICA
DOMENICA 22 aprile 2018

Prezzo a persona 30€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

– TIPOLOGIA: escursione speleologica con attrezzatura
– DURATA: 4h circa
– MATERIALE: I partecipanti dovranno presentarsi vestiti in maniera adeguata al percorso (calzature comode, vestiario comodo e non troppo ricercato, pantaloni lunghi). Poiché è impossibile non sporcarsi, è necessario avere un dei vestiti di ricambio da indossare all’uscita della grotta. La guida fornirà ai partecipanti torce elettriche, caschi di protezione e imbracature.
L’escursione si svolgerà CON L’AUSILIO DI ATTREZZATURA SPELEOLOGICA. Il percorso è adatto anche a persone non specificatamente allenate ma in buona salute e abituate ad un normale esercizio fisico. I partecipanti non devono soffrire di vertigini o di claustrofobia poiché sono presenti sia passaggi esposti su roccia da superare con facili arrampicate / disarrampicate, che strettoie dove è necessario procedere carponi o strisciare. Eventuali patologie o bisogni particolari dovranno venire comunicati alla guida prima dell’inizio dell’escursione.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il borgo di Titignano. Spostamento in auto all’ingresso della grotta, distribuzione dell’attrezzatura e inizio dell’escursione speleologica.

Un viaggio verso il centro della terra, nelle sterminate gallerie della seconda cavità naturale più estesa dell’Umbria: La Grotta delle Piane che si apre nel banco travertinoso del monte della Roccaccia, tra i fitti boschi di leccio del Parco Fluviale Regionale del Tevere. Un labirinto di tre km frequentato dall’uomo sin dalla preistoria e noto agli eruditi del XVII-VIII sec. col nome di “Grotte di Santa Romana”. Superati crepacci e strettoie, i partecipanti verranno iniziati alle storie segrete di acque miracolose, santi, draghi, eretici ed esploratori per tornar infine a riveder le stelle.

  • 14:00 – Fine dell’escursione speleologica e pranzo al sacco al belvedere della Roccaccia

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “A spasso attorno alla Scarzuola”

A spasso attorno alla Scarzuola
Tra i boschi più estesi dell’Umbria la città ideale di Tomaso Buzzi
DOMENICA 8 aprile 2018

Prezzo a persona 10€ (la cifra non comprende il biglietto di 10€ per la visita alla Scarzuola).
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]


– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 400
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 400
– PERCORRENZA: 10 km
– TEMPO PREVISTO: 5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, PRANZO AL SACCO, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:30 – Ritrovo dei partecipanti presso il borgo di Pornello – frazione di San Venanzo (da San Venanzo percorrere la S.S. 317 in direzione del Monte Peglia. Dopo 4,8 km prendere il bivio a destra in direzione di Fabro e Pornello, ad un successivo bivio si va a sinistra seguendo le indicazioni sino al paese) e trasferimento delle auto da utilizzare come navetta alla Scarzuola.
  • 10:00 – Inizio dell’escursione.

Tra le colline del monte Peja, nell’angolo più boscoso e meno abitato dell’Umbria, raggiungeremo paesini dimenticati e solitarie torri medievali. Dopo aver attraversato pascoli e foreste di lecci potremo finalmente smarrirci nella “foresta di simboli” di uno dei monumenti più suggestivi e meno conosciuti: la città ideale realizzata dall’architetto Tomaso Buzzi accanto all’antico convento della Scarzuola fondato da San Francesco.

  • 15:00 – Fine dell’escursione, recupero delle auto e visita alla Scarzuola.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “La solfarola di Montenero (Todi)”

La solfarola di Montenero (Todi)
Tra colli e torrenti in cerca del profondo respiro della terra

DOMENICA 18 febbraio 2018

Prezzo a persona 10€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 
– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 300
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 7 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il castello di Montenero frazione di Todi (a Todi prendere via delle Piagge, di fronte alla porta Amerina. Proseguire seguendo la SP379 superando prima l’abitato di Pontenaia e poi il borgo di Vasciano. Dopo 8 km si incontra sulla sinistra il bivio per Montenero che in breve conduce al castello).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Attraverseremo i campi coltivati e i boschi della valle del torrente Naia, nelle terre che furono degli Accursi e poi di Angelo Cortesi. Il testo di un erudito del 1600 ci guiderà su stradine poco conosciute alla ricerca dei luoghi dove la terra emana il suo profondo respiro dalle solfarole. Questi fenomeni di vulcanismo minore da un lato sono state associate a sinistre leggende, ma dall’altro sono state utilizzate dalla gente di campagna per curare le malattie della pelle degli animali.

  • 14:00 – Ritorno a Montenero e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Prodo e le gole del Fosso Campione (Orvieto)”

Prodo e le gole del Fosso Campione (Orvieto)
Un castello da favola sopra il più stretto dei canyon

DOMENICA 30 aprile 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 400
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 400
– PERCORRENZA: 6 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO. Chi volesse tuffarsi nelle pozze dovrà dotarsi di costume da bagno, asciugamano e possibilmente sandali o scarpe da scoglio.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso la piazza di Prodo (Dall’uscita dell’E45 Todi-Orvieto proseguire in direzione Orvieto per 5 km. Superato il bivio sulla sinistra per Pontecuti, che non va preso, si gira a destra seguendo le indicazioni per Quadro, Titignano e Prodo (strada vecchia per Orvieto). Superato l’abitato di Quadro, si continua sempre in direzione Orvieto ignorando i bivi sulla sinistra per Casemasce e Titignano sino al castello di Prodo).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Il tracciato si svolge tutto attorno ad uno dei canyon più belli d’Italia, il fosso Campione o torrente di Prodo, verso il quale quale ci affacceremo con suggestivi scorci panoramici, poiché può essere disceso soltanto con l’utilizzo di muta e corde. Percorreremo antichi sentieri realizzati dai carbonai per raggiungere anche gli angoli del bosco più nascosti ed inaccessibili guadagnando infine l’uscita della gola dove potremmo rinfrescarci nelle pozze cristalline scavate dall’acqua nella roccia della montagna. Infine, attraversando i terreni che furono dei Marchesi Misciattelli, raggiungeremo i ruderi di Castel di Ripe, da dove si gode di una vista mozzafiato sul castello di Prodo.

  • 14:00 / 15:00 – Ritorno a Prodo e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF