ESCURSIONE “Montemarte: un canyon che non ti aspetti”

Montemarte: un canyon che non ti aspetti (Casemasce – Todi)
I luoghi segreti dei Conti di Montemarte
SABATO 9 e DOMENICA 17 giugno 2018

Il canyon del fosso della Contea

Prezzo a persona 10€. Data la particolarità dell’escursione il numero dei partecipanti è limitato a 30.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]


– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero, alveo del torrente)
– DIFFICOLTÀ: EE (escursionisti esperti)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 200
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 200
– PERCORRENZA: 5 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, PRANZO AL SACCO. CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO. Poichè è molto probabile bagnarsi i piedi è necessario portare scarpe o sandali di ricambio!!!

La rocciosa collina di Montemarte, con i ruderi dei suoi antichi castelli pieni di storia e il suo profondo canyon inciso dal torrente della “Contea” nella roccia rossiccia, costituisce forse il luogo più suggestivo del territorio tuderte, ma anche uno dei più isolati e meno conosciuti. Un’escursione più impegnativa rispetto a quelle sinora proposte, che saprà ricompensare i coraggiosi partecipanti con l’emozione della scoperta.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Alle sorgenti del Chienti (Colfiorito – Serravalle)”

Alle sorgenti del Chienti (Colfiorito – Serravalle)
Attraversando gli altipiani dalla palude degli antichi Plestini alla “Botte di Varano”
DOMENICA 6 maggio 2018

Prezzo a persona 10€ (la cifra non comprende il biglietto di 5€ per la visita a S. Maria di Pistia, Botte di Varano e MUPA).
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]


– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: T (turistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 200
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 9 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, TORCIA ELETTRICA, PRANZO AL SACCO. CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso Santa Maria di Pistia (Prendere la nuova superstrada Foligno – Civitanova e uscire allo svincolo di Colfiorito. Raggiunta la rotonda prendere la prima uscita e procedere sul rettilineo sino alla chiesa) e trasferimento delle auto da utilizzare come navetta alla fine del percorso.
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Il percorso si snoda attraverso l’altopiano di Colfiorito, toccando l’area archeologica dell’antica città di Plestia, sulle cui rovine nel medioevo è sorta la basilica di Santa Maria di Pistia. Attraverseremo “Botte” sotterranea realizzata nel 1458 da Giulio Cesare Varano per drenare l’acqua dell’altopiano in sostituzione di un cunicolo di epoca romana i cui resti sono stati rinvenuti soltanto alla fine degli anni ’90. La visita si concluderà al MUseo Paleontologico Archeologico di Serravalle di Chienti.

  • 14:00 – Arrivo a Serravalle di Chienti dove sono posteggiate le auto navetta. Ritorno a Santa Maria di Pistia e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE SPELEOLOGICA “La Grotta delle Piane (Titignano)”

La Grotta delle Piane (Titignano)
ESCURSIONE SPELEOLOGICA
DOMENICA 22 aprile 2018

Prezzo a persona 30€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

– TIPOLOGIA: escursione speleologica con attrezzatura
– DURATA: 4h circa
– MATERIALE: I partecipanti dovranno presentarsi vestiti in maniera adeguata al percorso (calzature comode, vestiario comodo e non troppo ricercato, pantaloni lunghi). Poiché è impossibile non sporcarsi, è necessario avere un dei vestiti di ricambio da indossare all’uscita della grotta. La guida fornirà ai partecipanti torce elettriche, caschi di protezione e imbracature.
L’escursione si svolgerà CON L’AUSILIO DI ATTREZZATURA SPELEOLOGICA. Il percorso è adatto anche a persone non specificatamente allenate ma in buona salute e abituate ad un normale esercizio fisico. I partecipanti non devono soffrire di vertigini o di claustrofobia poiché sono presenti sia passaggi esposti su roccia da superare con facili arrampicate / disarrampicate, che strettoie dove è necessario procedere carponi o strisciare. Eventuali patologie o bisogni particolari dovranno venire comunicati alla guida prima dell’inizio dell’escursione.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il borgo di Titignano. Spostamento in auto all’ingresso della grotta, distribuzione dell’attrezzatura e inizio dell’escursione speleologica.

Un viaggio verso il centro della terra, nelle sterminate gallerie della seconda cavità naturale più estesa dell’Umbria: La Grotta delle Piane che si apre nel banco travertinoso del monte della Roccaccia, tra i fitti boschi di leccio del Parco Fluviale Regionale del Tevere. Un labirinto di tre km frequentato dall’uomo sin dalla preistoria e noto agli eruditi del XVII-VIII sec. col nome di “Grotte di Santa Romana”. Superati crepacci e strettoie, i partecipanti verranno iniziati alle storie segrete di acque miracolose, santi, draghi, eretici ed esploratori per tornar infine a riveder le stelle.

  • 14:00 – Fine dell’escursione speleologica e pranzo al sacco al belvedere della Roccaccia

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Da Monte Castello al Tevere”

Da Monte Castello al Tevere
Storia e paesaggi delle terre dei Vibi

Domenica 19 novembre 2017

L’escursione è organizzata dal Comune di Monte Castello di Vibio e da Archeoumbria in occasione della manifestazione “Una Domenica Gentile”.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: T (turistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 50
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 6 km
– TEMPO PREVISTO: 4,5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:30 – Ritrovo dei partecipanti a Monte Castello di Vibio in piazza Vittorio Emanuele II.
  • 10:00 – Inizio dell’escursione.

Dopo aver osservato da punti di vista insoliti le poderose mura rinascimentali di Monte Castello scenderemo verso il Tevere percorrendo stradine secondarie. Lungo il percorso avremo modo di soffermarci sui resti dell’abbazia benedettina di San Lorenzo de Bubiata e visiteremo un sito di interesse geologico poco conosciuto: la Solfarola del Furioso. Si tratta di una caratteristica pozza di acqua sulfurea che ribolle a causa della fuoriuscita dal sottosuolo di un potente getto di gas naturale. Raggiungeremo infine i ruderi della Mola di Cecanibbi situata di fronte allo sbarramento del Tevere che alimenta la centrale idroelettrica di Montemolino.

  • 14:30 – Arrivo al ponte di Montemolino e ritorno a Monte Castello con autobus.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Il colle solitario (Todi)”

Il colle solitario
Itinerario insolito tra la città di Todi e il Tevere

Venerdì 2 giugno 2017

Escursione gratuita in occasione delle Giornate Nazionali della Guida Escursionistica. Viene richiesto un contributo di 5 € a partecipante che sarà devoluto per microprogetti in favore di aziende agrarie, artigianali, turistiche colpite dal terremoto nelle regioni dell’Italia centrale.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: T (turistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 150
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 6 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti a Todi, presso Piazza del Popolo – Portici Comunali.
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Dopo aver attraversato i vicoli più nascosti del centro storico di Todi scenderemo sino al Tevere percorrendo stradine secondarie che offriranno insoliti scorci della vallata e della città. Il percorso attraversa i boschi del colle di San Giacomo lambendo la clausura dell’antico convento: un luogo suggestivo immerso nel silenzio e nella pace. Raggiungeremo infine il castello di Pontecuti costruito nel medioevo a difesa della struttura di attraversamento fluviale e scenderemo sino al suggestivo scoglio delle Lavandare.

  • 14:00 / 15:00 – Arrivo al borgo di Pontecuti, fine dell’escursione e ritorno all’’Istituto Agrario con auto navetta.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “La valle dei Calanchi (Bagnoregio – Viterbo)”

La Valle dei Calanchi (Bagnoregio – Viterbo)
Un paesaggio quasi desertico tra castelli di tufo e cattedrali d’argilla

DOMENICA 14 maggio 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: EE (escursionisti esperti)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 350
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 250
– PERCORRENZA: 8 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti a Lubriano, presso l’ampio parcheggio di Piazza Col di Lana situata all’ingresso del paese.
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

“La città che muore” non è soltanto uno slogan turistico: ogni giorno un pezzetto di Civita di Bagnoregio crolla davvero. I riflettori puntati sulle vicende del minuscolo centro urbano mascherano però le reali dimensioni del fenomeno erosivo che sta velocemente smantellando un’intera dorsale di colline dando vita ad incredibili formazioni alte decine di metri. Benvenuti nella valle dei calanchi; benvenuti nella valle dei giganti d’argilla.

  • 14:00 / 15:00 – Ritorno a Lubriano, fine dell’escursione e recupero delle auto.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Prodo e le gole del Fosso Campione (Orvieto)”

Prodo e le gole del Fosso Campione (Orvieto)
Un castello da favola sopra il più stretto dei canyon

DOMENICA 30 aprile 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 400
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 400
– PERCORRENZA: 6 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO. Chi volesse tuffarsi nelle pozze dovrà dotarsi di costume da bagno, asciugamano e possibilmente sandali o scarpe da scoglio.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso la piazza di Prodo (Dall’uscita dell’E45 Todi-Orvieto proseguire in direzione Orvieto per 5 km. Superato il bivio sulla sinistra per Pontecuti, che non va preso, si gira a destra seguendo le indicazioni per Quadro, Titignano e Prodo (strada vecchia per Orvieto). Superato l’abitato di Quadro, si continua sempre in direzione Orvieto ignorando i bivi sulla sinistra per Casemasce e Titignano sino al castello di Prodo).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Il tracciato si svolge tutto attorno ad uno dei canyon più belli d’Italia, il fosso Campione o torrente di Prodo, verso il quale quale ci affacceremo con suggestivi scorci panoramici, poiché può essere disceso soltanto con l’utilizzo di muta e corde. Percorreremo antichi sentieri realizzati dai carbonai per raggiungere anche gli angoli del bosco più nascosti ed inaccessibili guadagnando infine l’uscita della gola dove potremmo rinfrescarci nelle pozze cristalline scavate dall’acqua nella roccia della montagna. Infine, attraversando i terreni che furono dei Marchesi Misciattelli, raggiungeremo i ruderi di Castel di Ripe, da dove si gode di una vista mozzafiato sul castello di Prodo.

  • 14:00 / 15:00 – Ritorno a Prodo e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Escursione Rasiglia e la valle del Menotre (Foligno)”

Rasiglia e la valle del Menotre (Foligno)
Il fiume tra le montagne, dalla sorgente Capovena alle cascate di Pale

LUNEDI 17 aprile 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: T (turistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 100
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 450
– PERCORRENZA: 12 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA e PRANZO AL SACCO, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

 

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti in località Altolina, presso Belfiore – frazione di Foligno (dalla Strada statale Flaminia presso Foligno prendere l’uscita “Foligno est” e proseguire lungo la SS77 seguendo le indicazioni per Pale. N.B. BISOGNA SEGUIRE LA VECCHIA STRADA PER COLFIORITO E NON LA SUPERSTRADA RECEMENTE REALIZZATA. 1,5 km dopo aver superato l’abitato di Colle San Lorenzo si prende un bivio sulla sinistra in discesa verso Belfiore. Giunti sul fondovalle, ad una piccola rotonda si va a destra seguendo le indicazioni per “Altolina – Cascate del Menotre” sino all’ampio piazzale dove si parcheggia).
  • 9:30 – Spostamento in auto a Rasiglia e inizio dell’escursione.

Il cammino segue il corso del fiume Menotre, in passato noto col nome di Guesia, tra i boschi e i paesini dell’appennino Folignate. Partiremo dalla più abbondante delle sorgenti del fiume, quella di Capovena, il cui flusso attraversa il suggestivo borgo di Rasiglia dove un tempo alimentava numerosi mulini ed opifici a forza idraulica. Lungo il percorso è prevista una sosta al castello di Scopoli, realizzato nel 1460 da Tommaso di paolo da Foligno, abate della vicina abazia benedettina di Sassovivo. Infine si raggiungerà il borgo di Pale, sede di antiche cartiere, dove si visiteranno le bellissime cascate del Menotre.

  • 14:00 / 15:00 – Ritorno alla località Altolina, fine dell’escursione e recupero delle auto.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Migliano e la valle del Fersinone”

Migliano e la valle del Fersinone (Marsciano)
Rocce e acqua che non ti aspetti tra le pieghe del monte Peglia

DOMENICA 9 aprile 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: anello (sentiero, strada sterrata, strada asfaltata)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 150
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 150
– PERCORRENZA: 7 km
– TEMPO PREVISTO: 4h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO. Per chi vorrà percorrere un tratto dell’alveo del torrente è consigliato munirsi di un paio di scarpe di ricambio.

 

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il campetto sportivo di Migliano (frazione di Marsciano).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Il percorso prevede la visita del castello di Migliano, un tempo feudo dei Conti di Marsciano, recentemente oggetto di indagini archeologiche da parte dell’università di Perugia. Proseguendo per un panoramico sentiero ci si affaccerà sulla gola del Fersinone dalla sommità della Rupe Falcaia, in questo luogo le acque torrente hanno modellato le formazioni rocciose di marna ed arenaria originando un paesaggio aspro e suggestivo. Raggiungeremo infine il buco del Buco del Diavolo, una suggestiva cavità a picco sulla gola che ha ospitato l’uomo sin dalla più remota antichità.

  • 13:00 / 14:00 – Ritorno a Migliano e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF
 

Il Bagnaccio e l’antica via Cassia (Montefiascone- Viterbo)

Il Bagnaccio e l’antica via Cassia (Montefiascone- Viterbo)
Sul basolato romano dalle sponde del lago alle sorgenti sulfuree

DOMENICA 19 marzo 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, strada basolata)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 150
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 400
– PERCORRENZA: 12 km
– TEMPO PREVISTO: 5h
– MATERIALE: MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA e PRANZO SACCO, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO. Chi si fermerà alle terme dopo l’escursione avrà bisogno di costume da bagno, sandali ed asciugamano.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il parcheggio del Bagnaccio (da Orte prendere la SS675 in direzione Viterbo; giunti nei pressi del capoluogo uscire allo svincolo Montefiascone – Cassia. Proseguire sulla viabilità principale seguendo le indicazioni per Montefiascone e Siena. Superata la zona industriale prendere a sinistra in direzione Marta. Dopo circa 1 km prendere il bivio sulla sinistra con indicazione per le Terme del Bagnaccio. In breve la strada sterrata conduce al parcheggio delle terme).
  • 9:30 – Spostamento in auto a Montefiascone (punto di ritrovo al parcheggio del Campo Boario in via del Castagno).
  • 10:00 – Spostamento in auto a Montefiascone (punto di ritrovo al parcheggio del Campo Boario in via del Castagno).

Il percorso segue la tappa n° 40 della via Francigena che ricalca in gran parte il tracciato dell’antica via consolare Cassia. Esplorate le stradine di Montefiascone sino alla pittoresca Rocca dei Papi affacciata sul Lago di Bolsena, ci si inoltrerà per una stradina campestre dal cui fondo inizierà ben presto ad affiorare il basolato romano. Dopo la pausa per il pranzo al sacco si raggiungeranno gli imponenti ruderi delle terme del Bacucco e della Lettighetta, conosciute al tempo dei romani come Aquae Passaris. Queste strutture erano un tempo alimentate dalle stesse sorgenti termali che oggi riempiono le vasche del Bagnaccio.

  • 15:00 – Arrivo al Bagnaccio e recupero delle navette. Possibilità di accedere alle terme all’aperto (ingresso 5 € a persona)

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF