Il lago degli Etruschi

Il lago degli Etruschi
Da Grotte di Castro al lago di Bolsena, tra chiese e necropoli
DOMENICA 25 marzo 2018

Prezzo a persona 10€ (la cifra non comprende il biglietto di 2€ per la visita alla necropoli di Pianezze). Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]


– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: T (turistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 100
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 250
– PERCORRENZA: 10 km
– TEMPO PREVISTO: 5/6h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, PRANZO AL SACCO, TORCIA ELETTRICA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 10:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il paese di Grotte di Castro (VT) nel parcheggio in piazzale Giovanni Palatucci e trasferimento delle auto da utilizzare come navetta alla fine del percorso.
  • 10:30 – Inizio dell’escursione.

La storia ha cancellato l’antico nome della roccaforte etrusca posta a confine tra Velzna e Vulci, ma dall’XI sec. il luogo è chiamato “Castrum Criptarum” (l’odierno Grotte di Castro) per le moltissime cavità scavate nel masso tufaceo ed adibite ad abitazioni, stalle e cantine. Dopo aver attraversato il borgo raggiungeremo la stazione di pompaggio dell’acquedotto ottocentesco e la necropoli di Pianezze utilizzata sin dal VII sec. a.C. L’escursione prosegue sino ai suggestivi ruderi della chiesa di San Giovanni in Val di Lago e termina sulla riva del lago di Bolsena, dove percorreremo un tratto del “Percorso del Briganti”.

  • 16:00 – Arrivo al lungo lago e termine dell’escursione. Ritorno a Grotte di Castro con le auto navetta.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE SPELEOLOGICA “Traversata delle Gallerie della Fabbrica della Piana”

Traversata delle Gallerie della Fabbrica della Piana
ESCURSIONE SPELEOLOGICA
SABATO 17 marzo 2018

Prezzo a persona 20€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

Se non avete mai preso in considerazione il percorso turistico delle Gallerie della fabbrica della Piana (Todi – PG) perché lo ritenevate “poco rock”, oppure se lo avete già visitato e volete vedere di più, quella di sabato 17 è l’occasione per voi.

Per la prima volta e in maniera eccezionale viene proposta la traversata competa delle gallerie dall’ingresso alto recentemente ri-aperto in via Cesia sino all’uscita inferiore presso la fontana dei Bottini.

L’escursione si svolgerà CON L’AUSILIO DI ATTREZZATURA ALPINISTICA. Il percorso è adatto anche a persone non specificatamente allenate ma in buona salute e abituate ad un normale esercizio fisico. I partecipanti non devono soffrire di claustrofobia (paura degli ambienti chiusi) ne di vertigini. Eventuali patologie o bisogni particolari dovranno venire comunicati alla guida prima dell’inizio dell’escursione.

  • TIPOLOGIA: escursione speleologica con attrezzatura
  • DURATA: 2h circa
  • MATERIALE: partecipanti dovranno presentarsi vestiti in maniera adeguata al percorso (calzature comode, vestiario comodo e non troppo ricercato, pantaloni lunghi). Poiché è possibile sporcarsi si consiglia di tenere in auto degli abiti di ricambio da indossare all’uscita delle gallerie. La guida fornirà ai partecipanti torce elettriche, caschi di protezione e imbracature.

Max 10 partecipanti per turno:

  • ore 10:00 – turno mattutino (appuntamento a Todi, in Via Andrea Vici)
  • ore 15:30 – turno pomeridiano (appuntamento a Todi, in Via Andrea Vici)

ESCURSIONE “Soratte: una montagna fuori luogo (Sant’Oreste)”

Soratte: una montagna fuori luogo (Sant’Oreste)
Leggende e storie del monte delle profonde caverne e degli eremi dimenticati

DOMENICA 11 febbraio 2018

Prezzo a persona 10€ (la cifra non comprende il biglietto di 3€ per la visita all’eremo di San Silvestro).
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 500
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 500
– PERCORRENZA: 7 km
– TEMPO PREVISTO: 5/6h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 10:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il parcheggio in Largo Don Mariano de Carolis a Sant’Oreste (Percorrere l’A1 in direzione di Rome e uscire al casello di Ponzano Romano – Soratte. Seguire le indicazioni per Sant’Oreste, superando l’outlet e continuando sino al paese. L’ingresso al parcheggio è a sinistra immediatamente prima del paese, in corrispondenza di una grande scala metallica sulla destra).
  • 10:30 – Inizio dell’escursione.

Il Soratte è un monte anomalo, un monte che si fa notare con la sua forma caratteristica simile ad un volto umano che emerge tra i colli della media valle del Tevere, un brandello di appennino impazzito rifugiatosi nella Tuscia. Nelle sue profonde caverne dimorava Suri – Sorano, l’Apollo infernale degli etruschi, i cui culti erano officiati da sacerdoti vestiti di pelli di lupo che danzavano sui carboni ardenti. Sulla sommità del monte, leggenda vuole, abbia trovato rifugio Papa Silvestro durante la persecuzione di Diocleziano, prima di essere richiamato a Roma per curare l’imperatore Costantino dalla lebbra e impartirgli il battesimo. Fra le rupi e le spelonche abitarono molti altri santi ed eremiti, tra cui la verginella Romana compatrona della città di Todi.

  • 16:00 – Ritorno a Sant’Oreste e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “La solfarola di Montenero (Todi)”

La solfarola di Montenero (Todi)
Tra colli e torrenti in cerca del profondo respiro della terra

DOMENICA 18 febbraio 2018

Prezzo a persona 10€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 
– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 300
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 7 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il castello di Montenero frazione di Todi (a Todi prendere via delle Piagge, di fronte alla porta Amerina. Proseguire seguendo la SP379 superando prima l’abitato di Pontenaia e poi il borgo di Vasciano. Dopo 8 km si incontra sulla sinistra il bivio per Montenero che in breve conduce al castello).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Attraverseremo i campi coltivati e i boschi della valle del torrente Naia, nelle terre che furono degli Accursi e poi di Angelo Cortesi. Il testo di un erudito del 1600 ci guiderà su stradine poco conosciute alla ricerca dei luoghi dove la terra emana il suo profondo respiro dalle solfarole. Questi fenomeni di vulcanismo minore da un lato sono state associate a sinistre leggende, ma dall’altro sono state utilizzate dalla gente di campagna per curare le malattie della pelle degli animali.

  • 14:00 – Ritorno a Montenero e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “I boschi sacri del Monteluco (Spoleto)”

I boschi sacri del Monteluco (Spoleto)
Tra i santuari e gli acquedotti della montagna di Spoleto

DOMENICA 21 gennaio 2018

Prezzo a persona 10€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 250
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 550
– PERCORRENZA: 7,5 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso la chiesa di San Pietro a Spoleto (percorrendo la SS3 Flaminia si esce in direzione Monteluco. L’uscita si trova sull’altro lato della strada rispetto a quella denominata Spoleto Sud. Dopo poche decine di metri una stradina sulla destra conduce alla chiesa e all’ampio parcheggio antistante.) e trasferimento in auto al punto di partenza dell’escursione dopo aver lasciato alcuni mezzi da utilizzare come navetta.
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Secondo una diffusa quanto improbabile etimologia il nome di Spoleto deriverebbe dai termini greci spao e lithos e significherebbe letteralmente “pietra staccata”… ma staccatasi da dove? Ogni spoletino risponderebbe senza esitare che si è staccata dal Monteluco. Questo colle roccioso ricoperto di fitte foreste è quasi parte integrante della città, alla quale è collegato dall’ardito Ponte delle Torri. Luogo di spelonche e di eremiti per antonomasia, nel corso dei secoli l’uomo non si è avventurato sulle sue pendici soltanto per devozione ma anche per captare sorgenti e per cavare pietra da taglio.

  • 14:00 – Ritorno a San Pietro, fine dell’escursione e recupero delle auto.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Le gole del Tevere e la Grotta del Forello (Todi-Orvieto)”

Le gole del Tevere e la Grotta del Forello (Todi-Orvieto)
Meraviglie nascoste tra boschi di leccio del monte della Roccaccia

DOMENICA 21 gennaio 2018

Prezzo a persona 10€.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: anello (strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: EE (escursionisti esperti)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 400
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 400
– PERCORRENZA: 7 km
– TEMPO PREVISTO: 5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, PRANZO AL SACCO, TORCIA ELETTRICA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il borgo di Torreluca (castello medievale situato nei pressi di Casemascie – frazione di Todi).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

L’escursione si svolge sul versante più selvaggio delle Gole del Forello. Visiteremo luoghi solitari, ed evocativi, nelle terre appartenute ai bellicosi conti di Montemarte di cui rimangono i ruderi di poderosi castelli. Vedremo le cave di travertino dove nel rinascimento veniva estratta la bianca pietra impiegata nella costruzione del Tempio della Consolazione e nei portali dei palazzi nobiliari della città di Todi. Raggiungeremo infine la Grotta del Forello che si apre su uno scoglio a pochi metri dal fiume. Una delle meno conosciute tra le decine di cavità della zona, ma anche una delle più suggestive.

  • 14:30 – Ritorno a Torreluca e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Attorno a Santa Pudenziana (Narni)”

Attorno a Santa Pudenziana (Narni)
Scorci di medioevo tra pievi e torri delle colline narnesi

DOMENICA 3 dicembre 2017

Prezzo a persona 7€ (nel prezzo non è inclusa l’offerta per la visita della chiesa).
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 300
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 10 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il parcheggio del bar “Fosca Umbra” a Borgheria – frazione di Narni (da Narni Scalo dirigersi verso Narni superando la galleria e il ponte sul Nera. Subito dopo il ponte si prende a destra seguendo le indicazioni per Otricoli. Dopo 4,5 km il bar è lungo la strada sulla sinistra) e trasferimento delle auto da utilizzare come navetta alla fine del percorso.
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Le colline del narnese appartengono all’Umbria ma già “odorano” di Lazio. Tra campi coltivati e boschetti si nasconde la chiesa di Santa Pudenziana: un gioiello di stile romanico (biglietto di ingresso non compreso nel prezzo dell’escursione). Il percorso raggiunge i pittoreschi ruderi di Torre Buffone, circondati da un abitato rupestre.

  • 14:00 – Arrivo a Gualdo – frazione di Narni dove sono posteggiate le auto navetta. Ritorno al punto di partenza e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Da Izzalini alla Pasquarella”

Da Izzalini alla Pasquarella
Tra i boschi del “terribile fossato” di Jacopone da Todi

DOMENICA 26 novembre 2017

Prezzo a persona 7€ (nel prezzo non è inclusa l’offerta per la visita dell’eremo).
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 200
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 500
– PERCORRENZA: 9 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso il castello di Izzalini (frazione di Todi) e trasferimento delle auto da utilizzare come navetta alla fine del percorso.
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

Dal castello di Izzalini, posto a difesa delle cave di pietra della città di Todi, stradine dimenticate scendo nella valle del torrente Chiucena, verso i ruderi che portano il sinistro nome di Mulino dell’Urco. Superato il borgo di Acqualoreto inizia la parte più sperduta del percorso, dove la strada cede il posto ad un boscoso sentiero diretto al “terribile fossato che Regoverci è nominato” che tanto spaventava Jacopone da Todi. La visione del solitario scoglio del Salveregina sarà il segnale che l’eremo della Pasquarella è ormai vicino (è prevista un’offerta per la visita dell’eremo).

  • 14:00 – Arrivo all’Eremo della Pasquarella dove sono posteggiate le auto navetta. Ritorno al punto di partenza e fine dell’escursione.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “Da Monte Castello al Tevere”

Da Monte Castello al Tevere
Storia e paesaggi delle terre dei Vibi

Domenica 19 novembre 2017

L’escursione è organizzata dal Comune di Monte Castello di Vibio e da Archeoumbria in occasione della manifestazione “Una Domenica Gentile”.
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: G.A.E. Valerio Chiaraluce
Tel. – 328 0810989, Email – [email protected]

 

– TIPOLOGIA: traversata (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: T (turistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 50
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 300
– PERCORRENZA: 6 km
– TEMPO PREVISTO: 4,5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:30 – Ritrovo dei partecipanti a Monte Castello di Vibio in piazza Vittorio Emanuele II.
  • 10:00 – Inizio dell’escursione.

Dopo aver osservato da punti di vista insoliti le poderose mura rinascimentali di Monte Castello scenderemo verso il Tevere percorrendo stradine secondarie. Lungo il percorso avremo modo di soffermarci sui resti dell’abbazia benedettina di San Lorenzo de Bubiata e visiteremo un sito di interesse geologico poco conosciuto: la Solfarola del Furioso. Si tratta di una caratteristica pozza di acqua sulfurea che ribolle a causa della fuoriuscita dal sottosuolo di un potente getto di gas naturale. Raggiungeremo infine i ruderi della Mola di Cecanibbi situata di fronte allo sbarramento del Tevere che alimenta la centrale idroelettrica di Montemolino.

  • 14:30 – Arrivo al ponte di Montemolino e ritorno a Monte Castello con autobus.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF

ESCURSIONE “La via Amerina tra passato e presente”

La via amerina tra passato e presente (Todi)
Lungo l’antica strada romana nella valle dell’Arnata

DOMENICA 21 maggio 2017

Prezzo a persona 7€
Prenotazione obbligatoria telefonando entro il giorno precedente.
Informazioni e prenotazioni: 329 6161471 Nicoletta; 339 7807729 Benedetta

 

– TIPOLOGIA: anello (strada asfaltata, strada sterrata, sentiero)
– DIFFICOLTÀ: E (escursionistico)
– DISLIVELLO IN SALITA: m 150
– DISLIVELLO IN DISCESA: m 150
– PERCORRENZA: 4,8 km
– TEMPO PREVISTO: 4/5h
– MATERIALE: ABBIGLIAMENTO COMODO E ADEGUATO ALLA STAGIONE (pantaloni lunghi e giacca a vento), SCARPE COMODE (consigliati scarponcini da trekking), ACQUA, CONSIGLIATI ANCHE MACCHINA FOTOGRAFICA, BINOCOLO e BASTONCINI DA PASSEGGIO.

  • 9:00 – Ritrovo dei partecipanti presso la pineta di Montenero (frazione di Todi).
  • 9:30 – Inizio dell’escursione.

L’escursione ha inizio dalla pineta di Montenero, caratteristico rimboschimento realizzato nel XIX sec. da Angelo Cortesi nei possedimenti che in precedenza furono degli Accursi. Il percorso segue fedelmente l’antica strada romana Amerina che in questo tratto segue il corso del torrente Arnata ed era detta anche “strada dei mulini”. Scavalcheremo due ponti dell’antico tracciato nascosti tra i boschi: il ponte della Falce e il ponte di Pesciano, oggetto di un recente intervento di restauro non ancora terminato. Il punto di arrivo della camminata è il mulino Olivieri, suggestivo impianto a forza idraulica per la molitura dei cereali e delle olive perfettamente conservato.

  • 14:00 / 15:00 – Arrivo al mulino Olivieri, fine dell’escursione e ritorno a Montenero con auto navetta.

Scarica il programma dell’escursione in formato PDF